Riportato alla luce un prezioso codice miniato del ‘400,

Il Rotary Club Novara pubblica un libro su un meraviglioso codice miniato conservato presso la Biblioteca dell’Archivio Diocesano

 Il 13 giugno 2012 è stato presentato, presso il Museo Lapidario della Canonica, il libro “Missale Romanum  scriptum a Fr Blasio de Grancino de Melegnano et perfectum anno domini 1478”, la cui edizione è stata voluta e curata dal nostro Club. Si tratta di un volume che contiene saggi e riproduzioni fotografiche ad alta definizione delle miniature contenute in un codice del tardo XV secolo conservato presso l’Archivio Diocesano. Il presidente Bellomo ha ricordato il felice connubio tra la presentazione del libro che fa rivivere (attraverso una riproduzione) il passato, ed il museo, luogo di congiunzione tra presente e passato. Ispirandosi ai principi fondanti del Rotary, la riproduzione del “Grancino” testimonia l’impegno del Rotary Club a seminare cultura, germogliando una collana di libri che occuperanno i temi della cultura e della solidarietà, tesoro di una vocazione cittadina che non deve restare nell’ombra.
Il messale venne commissionato dai canonici del Capitolo della cattedrale di Novara e ad essi viene recapitato nel 1478. Infatti, il 22 settembre del 1478 frate Biagio di Grancino (nome del padre) da Melegnano termina di copiare il Missale Plenarium Romanum e vi appone una nota terminale identificativa a mo’ di firma. Biagio di Grancino scrive le parole (non decora le miniature) su fogli di pergamena purissima e ben sbiancata, di ampie dimensioni, 38 per 28 centimetri, disposti su due colonne, con 67 capilettera decorati o istoriati. Il “Grancino”, per il suo pregio artistico, è stato esposto nel 1880 per la “Quarta esposizione nazionale delle arti” di Torino e successivamente, nel 1898, per una grande mostra di arte sacra, sempre a Torino.
Copie del libro sul “Grancino” saranno donate a tutte le scuole e le biblioteche di Novara.
Giugno 2013
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)