Terapia antalgica 1Il progetto, completato nell’ottantesimo anno di fondazione del Club, è stato condotto con la collaborazione dell’Università del Piemonte Orientale, l’Azienda Ospedaliera-Universitaria Maggiore della Carità, l’Azienda sanitaria locale di Novara e la Fondazione Banca Popolare di Novara per il Territorio. Scopo del progetto era di  sopperire ad una situazione grave, che spesso pesa solo sui familiari del malato, mediante l’attivazione di un servizio di’assistenza a domicilio in orari non coperti dal ServizioSanitario. Terapia antalgica domiciliare 2

La speranza era che al termine dei tre anni del progetto, tale servizio, destinato a pazienti con dolore cronico severo ed esteso ai soggetti impossibilitati ad accedere alla struttura ospedaliera, si fosse dimostrato talmente necessario da essere continuato ed integrato dall’assistenza sanitaria nazionale, facendo tesoro dell’esperienza acquisita.

Terapia antalgica domiciliare 3

 Status ad aprile 2014. 

Al termine del finanziamento il progetto è proseguito ed è tuttora attivo. La responsabilità è affidata alla Struttura complessa a direzione universitaria di Anestesia e Rianimazione dell’Azienda ospedaliero-universitaria Maggiore della Carità e dai dati più recenti risulta che il servizio ha ridotto gli accessi al Pronto Soccorso di queste tipologia di pazienti.