Sabato 17 Ottobre 1998, sotto la Presidenza del dott. Elio Balossini, nella Chiesa di San Pietro al Rosario, alla presenza di tutte le Autorità Civili, Militari e Religiose cittadine, delle Autorità Rotariane e di molti Amici italiani e stranieri, dei rappresentanti dei Club Service Novaresi, di molte gentili Signore e numerosi Ospiti, si è tenuta la celebrazione del 70° Anniversario di fondazione del Rotary Club di Novara. Dopo il discorso introduttivo del Presidente, nel corso del quale Balossini ha messo in risalto le quattro semplici regole che compendiano l’ideale del “servire rotariano”:

  • promuovere e sviluppare relazioni amichevoli fra i propri membri per renderli meglio atti a servire l’interesse generale ed informare ai principi della più alta rettitudine la pratica degli affari e delle professioni;
  • riconoscere la dignità di ogni occupazione utile a far sì che essa venga esercitata nella maniera più degna, quale mezzo per servire la Società;
  • orientare l’attività privata, professionale e pubblica dei Soci al concetto di servizio;
  • propagare la comprensione reciproca, la buona volontà e la pace fra Nazione e Nazione mediante il diffondersi, nel Mondo, di relazioni amichevoli fra gli esponenti delle varie attività economiche e professionali, uniti nel comune proposito e nella volontà di servire; precisando altresì come i Club, piccoli ingranaggi della grande macchina Rotariana, operino autofinanziandosi e decidano autonomamente gli interventi da attuare sul proprio territorio o altrove nei campi a loro più consoni: culturale, artistico, umanitario, scolastico, assistenziale ecc.

L’oratore è passato, quindi, a illustrare l’intervento che il Club ha sponsorizzato in occasione del 70° Anniversario della sua fondazione, un impegnativo programma che ha visto rotarianamente impegnati altri tre Presidenti che lo hanno preceduto: Enrico Brustia, Germano Ferraris e Gerardo Ogno e che è consistito nel restauro completo della Cappella della Madonna del Rosario e la pubblicazione di un volume sulla chiesa stessa.

Si è trattato del restauro di una pregevole tela di G. C. Procaccini, raffigurante la Vergine del Rosario e degli affreschi che ornano la cappella nella quale il dipinto è collocato e che prende il nome dal dipinto stesso. Il volume illustra la Chiesa nel suo insieme e l’altare in questione in particolare. Nel corso della manifestazione hanno preso quindi la parola il Past Governor, Past Presidente, PHF dott. Giuseppe Macchi che ha tracciato una breve storia del Club dalle sue origini, il Governatore in carica del Distretto 2030: Fiorenzo Squarciafichi, il Sindaco di Novara avv. Giovanni Correnti, Don Mario Perotti e l’architetto Angela M. Malosso, responsabile tecnico Ufficio Beni Culturali della Diocesi che con l’ausilio di mezzi tecnici ha illustrato le varie fasi dell’intervento conservativo e da ultimo Sua Eminenza il Vescovo della Diocesi di Novara, Mons. Renato Corti, il quale ha ringraziato il Club per l’intervento attuato in questa Chiesa ed il Rotary in generale per tutte le iniziative culturali ed umanitarie intraprese non soltanto sul territorio di Novara, ma in tutto il mondo ed anche nel Terzo Mondo, sulla spinta del motto della Associazione “servire”.