Pubblicazioni

Go to Top

Catalogo mostra fotografica "L'uomo e l'ambiente"

Caltalogo Mostra fotografica

La mostra ideata e predisposta dal nostro Club è stata allestita al Broletto, da maggio a ottobre 2015, con il Comitato dei Club novaresi, il Comune e la Diocesi di Novara.
Sono esposte opere di importanti maestri della fotografia italiana e internazionali, con oltre 70 fotografie, provenienti da collezioni private e dagli autori stessi.
Maggio 2015
(Catalogo disponibile presso l’archivio cartaceo)

 

 

 

Go to Top

1915-1918 Novara in guerra

img052

Il volume nasce dalla collaborazione tra il nostro Club, il RC Val Ticino di Novara e il liceo Classico “Carlo Alberto” di Novara.
Il libro, che è un omaggio alla gente comune e alla memoria dei nonni che passa ai nipoti, è frutto di un lavoro di ricerca di studenti e insegnanti del Classico che attraverso un mosaico di Storia e di storie fa emergere pagine “vive” della realtà novarese del tempo.
Aprile 2015
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

 

 

 

 

Go to Top

Atti Convegni sull'Etica (maggio 2012 e maggio 2013)

img046

Presentazione
Si deve constatare che negli ultimi decenni l’attività scientifico-professionale si rivolge sempre più al perseguimento di fini immediati che, pur buoni nella loro parzialità, finiscono per soddisfare raffinate forme di egoismo individuale (o tuttalpiù corporativo) che si pongono di fatto in contrasto con l’interesse generale della Società intesa nel suo complesso.
D’altra parte la traduzione pratica del sapere speculativo di molte attività professionali tende ad affrontare e risolvere le tematiche, che via via le si presentano, solo da un punto di vista meramente tecnico prescindendo da ogni valutazione che tenga conto di valori e di beni non strettamente o direttamente attinenti alle problematiche stesse. Questi ultimi vengono semplicemente ignorati con grave danno per l’intera Collettività.
Tale stato di cose, che è ormai da molti percepito e qualificato come “crisi di valori”, è anche considerato una delle cause, se non la causa principale, della drammatica crisi economica nella quale si sta dibattendo la Società europea ormai da oltre un quinquennio.
Questa costatazione, peraltro abbastanza scontata, rischia di apparire sterile e vuota lamentela, come spesso capita di registrare nelle pur lodevoli ed apprezzabili analisi che vengono svolte sull’argomento, se all’analisi stessa non segue una prospettiva o meglio una proposta per il recupero dei valori professionali dei quali si lamenta la perdita.
La proposta in realtà è molto più semplice di ciò che si possa immaginare: si deve tornare a prendere atto che lo svolgimento dell’attività professionale è affidato all’uomo. L’uomo in quanto tale è colui che ha acquisito l’abito ad agire in modo virtuoso ovvero ha coltivato la virtù. Non è un caso che i romani definissero l’uomo nella sua accezione più alta vir come a dire che è la virtù che fa l’uomo. Essere uomo di conseguenza significava e dovrebbe significare tuttora essere virtuoso e la ricerca della virtù era e dovrebbe divenire tuttora il fine della vita umana.
La specificità della virtù morale infatti da un lato consiste nell’essere ordinata al fine ultimo della persona che è la felicità, dall’altro – essendo conseguibile da ciascun uomo – permette di accorciare le distanze tra le persone ed i gruppi sociali consentendo di allentare prima ed eliminare poi i conflitti che possono insorgere fra gli stessi.
Partendo da questi assunti e ritenendo che le brevi premesse sopra esposte meritassero un ben più meditato ed argomentato approfondimento, anche critico, la Commissione Azione Professionale del Rotary Club di Novara ha organizzato su tali temi due Convegni che si sono tenuti nel maggio 2012 e nel maggio 2013 all’Università del Piemonte Orientale presso il Dipartimento per l’Economia e l’Impresa.
Poiché gli interventi resi pubblici sul sito del Club hanno destato da più parti interesse si è ritenuto di raccoglierli in una pubblicazione organica che li contenesse tutti quanti.
La Commissione naturalmente ringrazia i Relatori per l’impegno profuso che ha prodotto interventi di particolare profondità come i lettori potranno constatare.
Al termine della lettura tutti potranno valutare come sia importante la riscoperta dei valori etici ma certamente ancora più importante è che ad essa segua la concreta applicazione da parte di ciascuno di noi.
Settembre 2013

Go to Top

Guida di orientamento per neosoci

La Guida è uno strumento di informazione e formazione per i neosoci – utile anche ai soci anziani – per illustrare i principi guida, gli ideali di servizio e le iniziative benefiche che per oltre 100 anni hanno retto la vita del Rotary. La Guida fornisce le prime indicazioni sui valori e sulle regole che governano l’organizzazione rotariana e la vita del nostro Club in modo che il neosocio comprenda i principi, conosca i meccanismi e prenda coscienza dei doveri che comporta l’appartenenza rotariana.
Gennaio 2015
(Scarica il testo da: “Service” > “Guida per neosoci”)

Go to Top

Il "Grancino"

Riportato alla luce un prezioso codice miniato del ‘400,

Il Rotary Club Novara pubblica un libro su un meraviglioso codice miniato conservato presso la Biblioteca dell’Archivio Diocesano

 Il 13 giugno 2012 è stato presentato, presso il Museo Lapidario della Canonica, il libro “Missale Romanum  scriptum a Fr Blasio de Grancino de Melegnano et perfectum anno domini 1478”, la cui edizione è stata voluta e curata dal nostro Club. Si tratta di un volume che contiene saggi e riproduzioni fotografiche ad alta definizione delle miniature contenute in un codice del tardo XV secolo conservato presso l’Archivio Diocesano. Il presidente Bellomo ha ricordato il felice connubio tra la presentazione del libro che fa rivivere (attraverso una riproduzione) il passato, ed il museo, luogo di congiunzione tra presente e passato. Ispirandosi ai principi fondanti del Rotary, la riproduzione del “Grancino” testimonia l’impegno del Rotary Club a seminare cultura, germogliando una collana di libri che occuperanno i temi della cultura e della solidarietà, tesoro di una vocazione cittadina che non deve restare nell’ombra.
Il messale venne commissionato dai canonici del Capitolo della cattedrale di Novara e ad essi viene recapitato nel 1478. Infatti, il 22 settembre del 1478 frate Biagio di Grancino (nome del padre) da Melegnano termina di copiare il Missale Plenarium Romanum e vi appone una nota terminale identificativa a mo’ di firma. Biagio di Grancino scrive le parole (non decora le miniature) su fogli di pergamena purissima e ben sbiancata, di ampie dimensioni, 38 per 28 centimetri, disposti su due colonne, con 67 capilettera decorati o istoriati. Il “Grancino”, per il suo pregio artistico, è stato esposto nel 1880 per la “Quarta esposizione nazionale delle arti” di Torino e successivamente, nel 1898, per una grande mostra di arte sacra, sempre a Torino.
Copie del libro sul “Grancino” saranno donate a tutte le scuole e le biblioteche di Novara.
Giugno 2013
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

 

 

Go to Top

Induno, Fattori, Nomellini, Viano

img054Nell’ambito delle celebrazioni del 100° anniversario della fondazione del Rotary International (23 febbraio 2005) il nostro Club assieme al RC Valticino hanno promosso il restauro di una selezione di opere della Galleria d’arte moderna Paolo e Adele  Giannoni.
Con la mostra “Induno, Fattori, Nomellini, Viani”, inaugurata nell’Arengo del Broletto, restaurato ad opera del Comune di Novara, sono state esposte le 38 opere restaurate e pubblicato il relativo catalogo.
La pubblicazione sottolinea il pregio e l’importanza storica nel panorama dell’arte figurativa italiana della seconda metà dell’Ottocento e dei primi decenni del secolo scorso.
Aprile 2005
(Catalogo disponibile presso l’archivio cartaceo)

Go to Top

Verso il domani

Il presente volume riporta i risultati dell’indagine: Verso il domani.Indagine su rappresentazione del futuro, bisogni informativi, necessità di orientamento e scelte degli studenti delle classi IV e V dell’anno 2000 – 2001 degli Istituti di Istruzione Superiore della Provincia di Novara, coinvolgendo circa quattromila allievi. Promosso dal Rotary Club di Novara, quale attività della Presidenza 2000-2001, carica ricoperta dal dott. E. Bolzoni.
La ricerca è stata realizzata dalla Facoltà di Economia dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” con la collaborazione del prof. Ilario Viano, Magnifico Rettore della Università e dei professori: Cesare Emanuel, Giovanni Frattini, Michele Colasanto, Guido Lazzaroni e delle dottoresse Chiara Invernizzi, Anna e Monica Cugno. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio di: Regione Piemonte,Provincia di Novara e Comune di Novara. E’ stata realizzata grazie al contributo della Regione Piemonte e della Banca Popolare di Novara.
Anno 2001
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

Go to Top

Il contributo di Giacomo Fauser

Il Contributo di Giacomo Fauser e dei Centri di Ricerca di Novara alla nascita e allo sviluppo dell’industria chimica italiana.
L’ing. Placido Scaglione, uno dei più stretti collaboratori di Giacomo Fauser, racconta in questo volume gli avvenimenti che caratterizzarono la vita e le scoperte di questo geniale ricercatore che contribuì con le sue invenzioni ed innovazioni alla nascita, allo sviluppo ed all’affermazione dell’industria chimica italiana nel Mondo.
Giugno 2000
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

Go to Top

Progetto Renova

Progetto Renova – Raccolta e Riciclaggio dei Rifiuti Urbani -. Questa videocassetta, si prefigge di illustrare alla cittadinanza ed in particolare agli alunni delle scuole novaresi i vantaggi derivanti alla Società, sia sotto il profilo ambientale che economico, del riciclo dei rifiuti. La cassetta, che dura una trentina di minuti, è stata realizzata, durante l’Anno Rotariano 1999/2000, dai Membri del Club: Aroldo Bettolo, Massimo Leoni, Giuseppe Sironi ed Ezio Leonardi. Questo video è stato prodotto grazie alla collaborazione delle società: Alcan, Amut, Assa, Cartiere Lucchese, Conai, Consorzio Riciclo Vetro e Sarriò, che hanno permesso l’utilizzo di loro filmati esplicativi delle varie fasi di riciclo dei materiali rivenienti dalla raccolta differenziata.
Anno 1999

Go to Top

San Pietro al Rosario in Novara

“San Pietro al Rosario” viene pubblicato in occasione del 70° anniversario della fondazione del Club a completamento di un service triennale che comprendeva il restauro di uno dei tesori d’arte della città: la cappella della “Beata Vergine del Rosario” nella chiesa di S. Pietro al Rosario di Novara. L’opera di restauro ha riguardato i pregevoli affreschi secenteschi del Fiammenghino, la pala dell’altare del Procaccini e due tele attribuite al Vermiglio, presenti nella cappella dedicata alla Madonna del Rosario.
Il volume illustra le tele restaurate, le cappelle della chiesa e le origini e la storia della chiesa stessa.
Ottobre 1998
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

 

Go to Top

Convegno Sempione

Questo volume è la raccolta degli Atti del Convegno tenutosi ad Orta presso l’Hotel S. Rocco il 21 ottobre 1989 ed organizzato dal Rotary Club di Novara e dal nostro Club Contatto di Sion-Valais. Nel corso del Convegno, con l’intervento di autorità italiane e svizzere, sono state discusse le prospettive circa il potenziamento dell’asse ferroviario del Sempione, ritenuto necessario ed urgente per l’incremento delle comunicazioni su rotaia fra il Nord Europa ed i porti italiani del bacino del Mediterraneo, soprattutto Genova e Savona. L’argomento, ampiamente dibattuto da tempo, a distanza di oltre dieci anni dalla nostra riunione, sembra finalmente trovare attuazione ai giorni nostri; infatti l’elettrificazione della linea ferroviaria Domodossola – Novara, fortemente voluta dagli svizzeri, e l’affidamento della gestione dello Scalo di Domodue ad una società elvetica, la Hangartner, che inizierà ad operare prossimamente, lascia prevedere un forte incremento del traffico ferroviario merci sulla linea del Sempione con direzione Novara e il porto di Genova e con un indubbio notevole beneficio, sotto il profilo ambientale, contribuendo a ridurre sensibilmente l’attuale traffico su gomma.
Anno 1989
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

Go to Top

L'Oratorio di San Siro

In occasione del 60° anniversario di fondazione del nostro Club viene pubblicato “L’oratorio di S. Siro”. L’opera esamina il ciclo di affreschi situati nel piccolo oratorio compreso fra il chiostro della Canonica e le due Sagrestie del Duomo di Novara ed illustra la vita di S. Siro, Vescovo pavese. E’ un ciclo pittorico di grande valore artistico e documentario espressione di un’arte colta e magnifico esempio della pittura nord – italiana della fine del XII secolo. Alla stesura dei testi hanno collaborato: Maria Laura Gavazzoli Tomea, Lucia Fiaschi Rovai, Dorino Tuniz, Mario Perotti, Giancarlo Andenna e Franco Dessilani. Le fotografie sono di Giacomo Perolini ed i tipi dell’Istituto Geografico De Agostini.
Anno 1988
(Testo disponibile presso l’archivio cartaceo)

Go to Top

La Galleria Giannoni

Per solennizzare il 50° anniversario di fondazione del Club viene curata una pubblicazione d’arte: la “Galleria Giannoni”
La pubblicazione, che è stata curata per la parte storica da Maria Laura Gavazzoli Tomea, per i testi da Mario Monteverdi e Enrico Piceni e per le riproduzioni fotografiche da Ettore Giovetti edita per i tipi dell’Istituto Geografico De Agostini, contiene le immagini fotografiche di una settantina di quadri dei 900 che compongono la prestigiosa Galleria Giannoni di Novara, proprietà del Comune di Novara, al quale il Comm. Alfredo Giannoni donò le opere.
Si tratta di una ampia raccolta di quadri di pittori italiani dell’Ottocento e del primo Novecento (sino al 1930) che comprendono nomi di assoluto primo piano nell’arte pittorica italiana.
Anno 1978 

 

Go to Top

Novara


Scritto dal noto giornalista novarese Raoul Capra è un breve ma esauriente excursus sulla città di Novara nella sua storia, nei suoi aspetti architettonici, industriali, agricoli, culturali e del paesaggio della sua provincia.
Si è trattato dell’antesignano di una serie di pubblicazioni che si sono susseguite e si susseguono tutt’oggi sui vari aspetti della città di Novara, della sua storia, delle sue caratteristiche.
Anno 1962